Leggere e scrivere di scienza

Leggere e scrivere di scienza

Benedetto Castelli, scienziato e amico di Galileo, sosteneva che “le definizioni de’ termini non posson depravar le dimostrazioni”, intendendo dire che per formulare concetti scientifici è indispensabile usare definizioni e termini univoci, precisi, inequivocabili, ma anche esser rigorosi, chiari, essenziali. La risorsa presenta le principali caratteristiche di un testo scientifico ed è anche un straordinario strumento per valutare e affinare la capacità di comprensione e di esposizione di fenomeni e concetti complessi.

Senza-titolo-1 Versione Multimediale

Avvertenza: questa risorsa è stata selezionata tra quelle prodotte negli anni da INDIRE e utilizzata all’interno del progetto PON SOS Studenti.

Lascia un commento

Attenzione - Ai sensi del decreto legislativo 196/2003, INDIRE si impegna a utilizzare i dati forniti esclusivamente per la gestione dei commenti e a non fornirli a terzi. INDIRE non si assume inoltre alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti che vengono pubblicati. La responsabilità di quanto scritto ricade esclusivamente sull'autore del commento. I commenti diffamatori, offensivi, razzisti, sessisti non saranno tuttavia pubblicati; sarà applicata la moderazione anche nel caso in cui il commento risulti non pertinente (off-topic) al testo specifico di riferimento.